Ultimissime!

30. giu, 2022
Intervista

Classe 1988, bresciano doc, Damiano Conchieri è un giovane videomaker e fumettista con all’attivo svariate pubblicazioni tra cui il libro per ragazzi Il Capitano Gegé e l’inafferrabile dottor Paynt (Tomolo- Edigiò Edizioni ) i cui testi recano la firma di Laura Gorini, la sua compagna di vita.

Scoprite di più!

25. giu, 2022
Tema

Era tardo pomeriggio quando Laura mi ha scritto per dirmi che suo figlio era rimasto così colpito dalla presentazione di “Phoenix” e che aveva scritto la tesina finale proprio sul tema della musica. Ho ancora i brividi. Credo che sia il regalo più bello che uno scrittore o scrittrice possa ricevere, più importante di un articolo su carta stampata di un giornale nazionale, più prestigioso di un riconoscimento a un premio letterario d’élite, più importante di mille recensioni a cinque stelle su Amazon. Siamo due autori immensamente grati a Giulio Tozzi per questo omaggio al nostro libro, che vi invito a leggere!

Scoprite di più!

23. giu, 2022
Da Laura Gorini

Il mio rapporto con la lettura non ha subito cambiamenti. Leggo tanto solo che ora sono molto più selettiva e se un libro non mi convince lo lascio
Si definisce una donna libera e determinata, oltre che una lettrice indomita e una scrittrice possessiva, Nunzia Gionfriddo. E tra una chiacchiera e l’altra, ci rivela anche che non disdegnerebbe- prima o poi- sorseggiare una bella cioccolata calda con un grande poeta e studioso del passato…

22. giu, 2022
Recensione

Le vittime della mafia, e soprattutto le morti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, hanno determinato uno strappo nella percezione del potere mafioso; sia la strage di Capaci, che l’attentato a via D’Amelio, hanno rappresentato un punto di svolta proprio quando il potere mafioso sembrava più forte.

21. giu, 2022
COSENZA

“E vissero tutti felici e distanti” è l’accattivante titolo del libro del giornalista Marcello Romanelli corredato dalle le fotografie di Rino Barillari , edito dalla casa editrice Rossini Editore. Il volume nasce dalla volontà di raccontare il periodo della prima pandemia da Covid-19 in tutte le sue sfaccettature, costituendo una sorta di “alfabetopandemico”.