20. dic, 2021

“Daniel Dante e la Compagnia del Lumen Magico” di Silvio Coppola

Silvio Coppola presenta il primo volume della saga fantasy: la recensione

Nel romanzo urban fantasy “Daniel Dante e la Compagnia del Lumen Magico” di Silvio Coppola si entra in un magico mondo che ha sede in una Venezia misteriosa, che viene rappresentata in diversi periodi storici. Pur essendo un fantasy, il romanzo contiene molti riferimenti alla storia dell’umanità, includendo anche miti e leggende che da sempre ci accompagnano. In particolare, si può ripercorrere la storia di Atlantide così come è raccontata da Platone nei dialoghi “Timeo” e “Crizia”, che assume connotati esoterici che vanno a costituire l’ossatura di una vicenda che si svolge tra il XVI secolo e la nostra contemporaneità. Storia, letteratura e magia si mescolano in un’opera in cui tutto è descritto con dovizia di particolari, e in cui ognuno dei numerosi personaggi è caratterizzato con cura. Il protagonista dell’opera è il ragazzino undicenne Daniel Dante, che vive la sua spensierata vita a Venezia tra la scuola e la Libreria Antiquaria Dickens, di proprietà della sua famiglia da secoli – «La passione per quel lavoro si trasmetteva di padre in figlio, senza mai saltare una generazione».